Bonus vacanze 2020: online la circolare dell’Agenzia con i primi chiarimenti

Tax credit vacanze 2020: chi può usufruirne e per cosa, i tempi per chiederlo e come utilizzarlo, tutte le indicazioni nella Circolare dell’Agenzia del 03.07.2020 n. 18
Sconto utilizzabile anche per servizi accessori, come quelli balneari, a patto che siano indicati nella fattura emessa dall’unico fornitore scelto per trascorrere le vacanze, ad esempio, nel caso di soggiorno presso una struttura alberghiera con fattura emessa da ALFA, è possibile includere, ai fini del Credito d’impostaVacanze, i costi per la fruizione dei servizi balneari da parte di BETA solo se gli stessi sono indicati nell’unica fattura emessa da ALFA.

Questo uno dei primi chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate con Circolare del 3 luglio 2020 n.18, che qui alleghiamo, sull’utilizzo del Bonus vacanze previsto dal Decreto Rilancio e sulle modalità da seguire per beneficiarne.

Il comma 1 dell’art. 176 del Decreto Rilancio stabilisce, inoltre, che per avere diritto al Credito d’imposta Vacanze, i servizi dovranno essere offerti in ambito nazionale:

  • dalle «imprese turistico ricettive»,
  • dagli «agriturismo»
  • e dai «bed &breakfast».

Tali soggetti dovranno essere in possesso dei titoli prescritti dalle norme nazionali o regionali per l’esercizio dell’attività turistico ricettiva. Per individuare le strutture presso le quali è possibile utilizzare il bonus, occorre fare riferimento ai soggetti che, indipendentemente dalla natura giuridica o dal regime fiscale adottato, svolgono effettivamente le attività previste dalla norma. A titolo indicativo e non esaustivo, tali attività sono riconducibili alla sezione 55 di cui ai codici ATECO, ad esempio:

55.1 ALBERGHI E STRUTTURE SIMILI
– alberghi, resort, motel, aparthotel (hotel&residence), pensioni, hotel attrezzati per ospitare conferenze (inclusi quelli con attività mista di fornitura di alloggio e somministrazione di pasti e bevande)

55.20 ALLOGGI PER VACANZE E ALTRE STRUTTURE PER BREVI SOGGIORNI
– villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna (inclusi quelli con attività mista),
– colonie marine e montane,
– affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence, alloggi connessi alle aziende agricole, chalet, villette e appartamenti o bungalow per vacanze e cottage senza servizi di pulizia.

Nell’elenco sono inclusi anche coloro che svolgono un’attività alberghiera o agrituristica stagionale.

Indice degli argomenti trattati nella Circolare:

  • Premessa
  • Ambito soggettivo di applicazione: soggetti ammessi
  • Ambito oggettivo di applicazione
  • Requisiti per ottenere il beneficio e modalità di accesso all’agevolazione
  • Misura del credito
  • Modalità di rimborso dello sconto al fornitore
  • Cessione del credito e poteri di controllo dell’amministrazione

Comments are closed.